Veduta del Monte Pellegrino da Mondello

Monte Pellegrino - punto di riferimento di Palermo e montagna di pellegrinaggio

Tu sei qui:

>

Seguire a piedi gli antichi sentieri dei pellegrini sul Monte Pellegrino può essere un po' faticoso, ma la vista sulla strada e dal punto più alto ne vale la pena! Fare una visita a Santa Rosalia sulla strada e poi guardare il mare alla sua ombra riempie l'anima dei visitatori di una pace speciale.

Questo è ciò che potete aspettarvi in questo articolo:

  1. Sosta di Goethe durante il suo "Viaggio in Italia

  2. Un primo sguardo prima della salita

  3. Il percorso di Rosalia per diventare la patrona di Palermo

  4. Un luogo di tranquillità nel Santuario di Santa Rosalia

  5. Una degna deviazione nell'idillio

  6. Arrivati alla cima

Ciao, sono Adriana.

Sono un ospite del BnB Dolcevita e spero che vi piaccia il mio articolo su Monte Pellegrino. Fa parte del nostro Palermo Guida di viaggio.  Di più su di noi!

Hostess Adriana

Sosta di Goethe durante il suo "Viaggio in Italia

Monte Pellegrino, la "montagna del pellegrino", si trova a soli quattro chilometri da Palermo, a nord. Si può fare un'escursione sulla montagna su sentieri segnalati fuori dalla città.

Il percorso di pellegrinaggio è chiamato "Acchianata" dalla gente del posto e copre 7,8 km, 11.000 passi e ha un dislivello di circa 450 metri. È generalmente valutato come difficile. Tuttavia, coloro che si sottraggono a questa marcia possono comodamente guidare la propria auto, prendere un taxi o un autobus fino al punto più alto. Il viaggio in autobus è spesso descritto come un'esperienza speciale, poiché gli autisti affrontano le strade a volte serpeggianti con brio. 

Il tortuoso percorso di pellegrinaggio "Acchianata"

La tortuosa strada "Acchianata" è utilizzata dai pellegrini.

Foto: © GIOVANNI – stock.adobe.com

La Collina dei Pellegrini è costituita in gran parte da pietra calcarea e misura 606 metri. Questo lo rende un punto di riferimento siciliano e un punto di riferimento imponente che domina la città. 

Veduta di Monte Pellegrino da Palermo

Veduta di Monte Pellegrino da Palermo

Foto: © reichhartfoto– stock.adobe.com

Nel 1996, l'area intorno a Monte Pellegrino è stata dichiarata riserva naturale con il nome altisonante di "Riserva Naturale Monte Pellegrino".

Monte Pellegrino, con le sue profumate pinete, è una destinazione popolare sia per i palermitani che per i visitatori della città. La montagna è particolarmente popolare nei fine settimana, con molte auto che si dirigono lungo via Bonanno Pietro verso la cima. Innumerevoli famiglie vengono a fare picnic nei boschi, gli escursionisti si arrampicano sulla montagna, i credenti fanno un pellegrinaggio alla cappella di Santa Rosalia.

 

Johann Wolfgang von Goethe menzionò già il Monte Pellegrino nel suo diario di viaggio "Viaggio in Italia" all'inizio del XVIII secolo e si entusiasmò "per il più bel promontorio del mondo". Decidete voi stessi mentre seguite il sentiero in salita a piedi, non di rado adocchiato da capre che corrono liberamente.

 Vista panoramica di Palermo dal Monte Pellegrino

Vista panoramica di Palermo dal Monte Pellegrino

Foto: © Parilov – stock.adobe.com

Veduta del promontorio dal Monte Pellegrino

Anche dal lato rivolto verso il mare si capisce perché Goethe adorava la pedemontana. Foto: © andiz275 – stock.adobe.com

Un primo sguardo prima della salita

Se si guarda da Palermo verso Monte Pellegrino, un imponente edificio rosa cattura lo sguardo. È il Castello Utveggio, un palazzo in stile neogotico, che troneggia sul promontorio di Monte Pellegrino. Purtroppo non è possibile visitarla perché gli edifici non sono in uso. A 350 m sul livello del mare, si avrebbe probabilmente una vista meravigliosa e senza ostacoli di tutta Palermo.

 Castello Utveggio sul promontorio di Monte Pellegrino

Veduta del Castello Utveggio sul promontorio di Monte Pellegrino

Photo by Emi F on Unsplash

Costruito come un hotel di lusso all'inizio del 19° secolo, il Castello Utveggio purtroppo non ha mai goduto del suo periodo d'oro. A causa della concorrenza feroce, il business degli hotel era già lento prima della seconda guerra mondiale, e anche l'istituzione di un casinò non era molto popolare in seguito. Dopo essere stato utilizzato come centro di studi di ricerca e di gestione, il complesso è attualmente vuoto. Si dice che sia previsto un nuovo centro di formazione per l'amministrazione regionale. 

Veduta del Castello Utveggio con Palermo sullo sfondo

Non può essere per via della vista che il Castello è attualmente vuoto.

Foto: © Parilov – stock.adobe.com

Il percorso di Rosalia per diventare la patrona di Palermo

Dopo due terzi buoni di cammino verso la cima, si incontra la cappella di Santa Rosalia. Una volta a Palermo, non si può fare a meno di prestare attenzione al santo patrono della città. Si dice che Rosalia sia vissuta nel XII secolo e che abbia trascorso gran parte di esso in una grotta sul Monte Pellegrino, dove si dice che fosse devota e pregasse per le anime degli abitanti di Palermo.

 

Qualche secolo dopo, nel 1624, una nave porta la peste a Palermo. Migliaia di persone muoiono, non c'è prospettiva di una fine dell'epidemia. In questo periodo, una devota malata sale sul Monte Pellegrino e beve l'acqua che filtra da una roccia in una grotta. Quest'acqua guarisce bruscamente la sua sofferenza e le appare una visione di Rosalia che le indica un punto sul pavimento della grotta.

 

La donna ritorna il giorno dopo con una truppa di uomini e scavano nella grotta nel punto indicato. Scoprono i resti mortali di Rosalia sotto una lastra di marmo. Le ossa vengono controllate per l'autenticità dall'arcivescovo e infine portate solennemente per le strade di Palermo in una lunga processione. Quasi immediatamente, i malati guariscono e la peste scompare dalla città.

 

Per gratitudine e per riverenza, Rosalia fu nominata patrona della città come Santa Rosalia e da allora tiene la sua mano protettiva su Palermo. Nella notte tra il 3 e il 4 settembre, anniversario della morte della patrona, si svolge ogni anno un pellegrinaggio alla montagna in suo onore, l'Acchianata Santa Rosalia.

Ingresso al Santuario di Santa Rosalia sul Monte Pellegrino

L'ingresso al Santuario di Santa Rosalia sul Monte Pellegrino

Foto: © EleSi – stock.adobe.com

Un luogo di tranquillità nel Santuario di Santa Rosalia

La cappella di Santa Rosalia, il santuario dove si conserva il reliquiario, è stata scavata per metà nella roccia, creando un'atmosfera speciale durante la visita. Se il piazzale è ancora un po' occupato da bancarelle di souvenir e varie offerte culinarie, un senso immediato di calma avvolge il visitatore dopo essere entrato nella grotta attraverso la cappella barocca. Questo può essere goduto soprattutto nelle ore mattutine prima dell'arrivo dei pullman. 

All'interno della cappella, l'acqua piovana filtra incessantemente attraverso le rocce del soffitto ed è incanalata in alcuni punti in modo che i visitatori possano prenderla per bere. Il gocciolamento dell'acqua è un tintinnio continuo e delicato che risuona nel silenzio della grotta sacra.

Cappella di Santa Rosalia nella roccia di Monte Pellegrino

All'interno del Santuario di Santa Rosalia

Foto: © Stefano Piazza / stock.adobe.com

In una teca di vetro, si può vedere una statua reclinata di Santa Rosalia, che si suppone la mostri nell'ora della sua morte. L'artista Gregorio Tedeschi creò questa statua nel 1625 per la costruzione della cappella.
Il santuario contiene alcuni doni del Senato di Palermo e di un re spagnolo del XVI e XVII secolo. 

Statua di Santa Rosalia nella teca di vetro

Questa immagine mostra la statua di Santa Rosalia nella teca di vetro.

Foto: EffemsStatua Santa Rosalia, Dettaglio da RM, CC BY-SA 4.0

Una degna deviazione nell'idillio

Se non si segue il sentiero dalla cappella verso la cima, ma si gira leggermente a sinistra su Via Monte Ercta, si raggiunge il paradisiaco Laghetto Gorgo di Santa Rosalia dopo pochi minuti di cammino. Questo piccolo stagno nascosto è un'oasi botanica tra specie di alberi nativi ed esotici, come gli eucalipti. 

Molti biologi e naturalisti hanno studiato le caratteristiche speciali del Laghetto Gorgo di Santa Rosalia negli ultimi decenni, poiché esiste una biodiversità unica. Per esempio, qui convivono pacificamente specie di insetti che altrove si combatterebbero.

E se sei davvero fortunato, potresti avvistare una delle rare tartarughe smeraldo che si trovano solo in Sicilia.

Immagine dal Laghetto Gorgo di Santa Rosalia

Immagine dal Laghetto Gorgo di Santa Rosalia

Foto: © GIOVANNI / stock.adobe.com

Arrivati alla cima

Di nuovo sul sentiero verso la cima, si raggiunge presto il punto più alto e anche più bello, il Belvedere di Monte Pellegrino. In questo punto panoramico, una statua di bronzo di Santa Rosalia sorveglia la città. Alla sua ombra, si ha una splendida vista della città e del mare in diversi punti e ci si può rilassare e riflettere sulla salita.

Statua di Santa Rosalia sul Monte Pellegrino

Il belvedere con la statua di Santa Rosalia. Da qui si vedono Palermo e Mondello dall'altra parte.

Foto: © EleSi/ stock.adobe.com

 Coppia che si gode il panorama dalla cima del Monte Pellegrino

Questa coppia si gode la vista di Palermo dalla cima del Monte Pellegrino

Foto: © kityyaya / stock.adobe.com

 Vista della baia di Mondello dal Monte Pellegrino

Da Monte Pellegrino si vede Palermo, ma anche la spiaggia di Mondello dall'altra parte.  Foto: © Stefano Piazza / stock.adobe.com

Veduta di Palermo dal tetto della cattedrale

Scopri di più?