Ingresso Giardino Garibaldi

Tu sei qui:

>

Giardino Garibaldi - un luogo magico di pace, leggende e segreti

Un luogo di calma nella vivace Palermo è il Parco Giardino Garibaldi. Qui si può passeggiare e rilassarsi su una delle panchine sotto alberi giganteschi. Il piccolo parco si trova sulla Piazza Marina ai margini del quartiere storico della Kalsa, a pochi minuti a piedi dal porto. E: alcune storie mistiche vi aspettano. In questo articolo scoprirete quali sono.   

Questo è ciò che potete aspettarvi in questo articolo:

  1. Tutto si svolge nella Piazza Marina

  2. Entrare in un altro mondo

  3. La storia: giocolieri, prigionieri e combattenti per la libertà 

  4. I giganti silenziosi del parco

  5. Crime thriller nel parco: successo della polizia dopo 100 anni

  6. Mappa 

Ciao, ich bin Eugenio.

Sono un ospite del BnB Dolcevita e spero che il mio articolo sul Giardino Garibaldi vi piaccia. Fa parte del nostro Palermo Guida di viaggio.  Di più su di noi!

 Ospite Eugenio

Tutto si svolge nella Piazza Marina

Piazza Marina è circondata da diversi palazzi storici, tra cui Palazzo Chiaramonte, Palazzo Denti Fatta e i Palazzi Notarbartolo Greco e Mirto. La chiesa di Santa Maria dei Miracoli è anche nelle immediate vicinanze. Qui si trova il parco Giardino Garibaldi con le sue storie di leggende e misteri al suo interno. 

Veduta di Piazza Marina a Palermo

Veduta di Piazza Marina e Parco Giardino Gribaldi da Via Vittorio Emanuele.

Foto: © Robin Marx - BnB Dolcevita

A proposito: ogni fine settimana, un mercato delle pulci e dell'antiquariato ha luogo nella piazza intorno al Giardino Garibaldi. Qui vale la pena navigare alla ricerca di souvenir insoliti o semplicemente godersi la varietà di merci in offerta.

Entrare in un altro mondo 

Si entra nel parco attraverso un cancello in ferro battuto. Proprio accanto all'ingresso c'è una vecchia portineria, non più in uso, con incantevoli sculture in legno sulla porta.

Ingresso al Parco Giardino Garibaldi

Foto:  trolvag, Kalsa, Palermo, Italy - panoramio, Dettaglio da RM, CC BY-SA 3.0

I sentieri, che sono stati usati e difficilmente cambiati da quando il parco è stato creato, ti portano più in profondità nel parco: nel cuore del Giardino Garibaldi - a una fontana.

Veduta della fontana al centro del Parco Giardino Garibaldi

La fontana al centro del Parco Giardino Garibaldi

Foto:  © Robin Marx - BnB Dolcevita

Il nostro consiglio:

Concedetevi un gelato fatto secondo le antiche ricette siciliane ed esclusivamente con ingredienti naturali dalla Rorò Gelateria proprio accanto e godetevelo mentre passeggiate nel parco. Il gelato, ma anche le brioches, le granite e altre dolci tentazioni sono fatte con molto amore. Il gelato alla mandorla e allo zafferano, la specialità della gelateria, è da non perdere..

 La Gelateria Rorò in Piazza Marina

La Gelateria Rorò sul lato opposto di Piazza Marina

Foto:  © Robin Marx - BnB Dolcevita

Orari di apertura della gelateria 

Da mar a ven 12 a mezzanotte, chiuso il lunedì
Piazza Marina 13 – 14

I sentieri a sinistra e a destra sono fiancheggiati da una grande varietà di piante principalmente sempreverdi. A causa del clima caldo, qui ci sono anche piante che conosciamo solo come piante domestiche da vaso. Tra l'altro, nel parco si può ammirare il tiglio coperto, molto apprezzato da noi, con una notevole altezza di 7 metri. 

 Percorso centrale nel Parco Giardino Garibaldi

Foto: ​Aurora BuccheriVilla Garibaldi, Dettaglio da RM, CC BY-SA 4.0

La storia: giocolieri, saghe e combattenti per la libertà

Già nel Medioevo, la piazza su cui il parco è stato poi costruito era un luogo di incontro popolare e sede di colorate feste popolari. I giocolieri presentavano le loro arti, i mercanti offrivano le loro merci in vendita e i palermitani si scambiavano pettegolezzi.

A causa della sua vicinanza al tribunale dell'Inquisizione, anche diverse esecuzioni di prigionieri ebbero luogo qui in questo periodo. Secondo la leggenda, il sangue dei giustiziati fu il nutrimento per la crescita miracolosa degli alberi che furono poi piantati. 

Il parco fu progettato nel 1863 dall'architetto e paesaggista Giovanni Battista Filippo Basile, che era molto legato alla sua città natale, Palermo. Il capolavoro architettonico di Basile è il Teatro Massimo, che non riuscì a completare prima della sua morte. L'opulento edificio fu quindi completato da suo figlio Ernesto.


Il vecchio Basile era un seguace di Giuseppe Garibaldi, un combattente per la libertà italiano che ha sostenuto il movimento di unificazione tra il 1820 e il 1870. È così che il parco ha ottenuto il suo nome storico. 

Monumento a Garibaldi nel Giardino Garibaldi in Piazza Marina

Monumento a Garibaldi nel Giardino Garibaldi in Piazza Marina

Foto: © lindasky76 / Shutterstock.com

I giganti silenziosi del parco

La più grande attrazione del parco sono gli impressionanti esemplari di tre alberi di fico, che sono simili per dimensioni alle sequoie. Uno degli alberi, insieme a un altro dell'Orto Botanico di Palermo, è uno dei fichi più grandi e antichi d'Europa. Gigantesche radici aeree pendono dagli alberi, ancorandosi nel terreno e dando così un ulteriore sostegno. A questa vista diventa chiaro: il parco è un luogo magico. 

Donna sotto un fico nel Parco Giardion Garibaldi

Photo by Cristina Gottardi on Unsplash

I tre giganti sono stati piantati ben oltre 150 anni fa e sono affascinanti testimoni di eventi passati grazie alle loro dimensioni e alle spesse radici aeree pendenti. Uno di loro si distingue ed è eccitante come un thriller. Pronto? Allora continuate a leggere.

Crime thriller nel parco: successo della polizia dopo 100 anni  

Se gli alberi del parco potessero parlare, la polizia non avrebbe dovuto brancolare nel buio per più di un secolo. Nel 1909, il primo omicidio di polizia della mafia a Palermo ebbe luogo nel parco. Joe Petrosino, un poliziotto di New York con radici italiane, è stato trovato colpito a morte.

 

Un testimone arrestato di ambienti mafiosi ha dovuto essere rilasciato per mancanza di prove. Solo dopo più di 100 anni il caso fu risolto per caso mentre si origliavano alcuni membri della mafia, quando uno dei membri si vantava dell'omicidio di un suo parente. Un successo tardivo per la polizia, anche se il colpevole era ovviamente morto da tempo.

 La targa commemorativa per Joe Petrosino nel Giardino Garibaldi

C'è una targa commemorativa per Joe Petrosino nell'angolo più a destra del parco

Foto: © Robin Marx - BnB Dolcevita

Orari di apertura e tariffe d'ingresso 

L'ingresso è gratuito.

Lun - Dom: Aperto per tutto il tempo

Veduta di Palermo dal tetto della cattedrale

Imparare di più?